NERONE

 

NERONE Duemila anni di calunnie

Regia: Edoardo Sylos Labini 

Interpreti: Edoardo Sylos Labini, Sebastiano Tringali, Silvia Siravo, Giancarlo Condè, Gualtiero Scola, Paul Vallery e con la partecipazione di Fiorella Rubino ed il coro della ADI academy di Monza

Produzione: RG Produzioni  

Spettacolo disponibile da novembre 2015

 

Sullo sfondo di una Roma bruciata da un incendio, di cui Nerone verrà accusato ingiustamente di essere il mandante, l’incubo dell’Imperatore la notte prima della sua morte. La possibilità di fuggire dalla congiura dei suoi senatori, o la scelta di uccidersi per mano propria.

Tra i marmi della Domus Aurea, il suo palazzo imperiale, Nerone, attorniato da un’eccentrica corte di mimi, musicisti, prostitute e ballerine, è tormentato dal fantasma della madre. Rivive in quell’incubo le presenze più ingombranti della sua vita: l’ossessiva madre Agrippina, assetata di potere che, grazie ad una serie di delitti, gli apre le porte dell’Impero a soli 17 anni; l’illustre filosofo Seneca, moralizzatore dei costumi di Roma e scaltro opportunista che, diventato suo maestro, cerca di influenzarne ogni scelta; la bellissima seconda moglie, la giovane e civetta Poppea con la quale condivide l’amore per l’arte e la passione per la Grecia; l’amico di bagordi Otone, governatore della Lusitania ed ex marito di Poppea che congiura alle sue spalle per gelosia; ed infine il viscido Fenio Rufo, ruvido Prefetto del Pretorio, vero capo della rivolta di quella élite economica ed intellettuale contro la quale Nerone combatté durante i 14 anni del suo regno.

Una tempesta di sentimenti, paure, pentimenti, riflessioni tragiche.

Una metafora del potere. Nerone, duemila anni dopo, pazzo o profeta? 

Galleria di immagini